salerosaricette

…ricette vegane per vivere sano…


Lascia un commento

Lo zucchero raffinato e i suoi pericoli

zucchero biancoLo zucchero bianco, che ogni giorno introduciamo nel nostro corpo direttamente così com’è o attraverso dolci, caramelle, bevande commerciali, conserve, liquori ecc., è il prodotto finale di una lunga trasformazione industriale che uccide e sottrae tutte le sostanze vitali e le vitamine presenti nella barbabietola o nella canna da zucchero che sono il punto di partenza per la produzione dello zucchero.
Il fine è quello di renderlo più bello alla vista del consumatore: il colore bianco è migliore ed accattivante, inoltre anche il gusto dello zucchero non raffinato è diverso dalle abitudini del palato, alle quali la stragrande maggioranza dei consumatori fa riferimento.

Le sostanze zuccherine sono alimenti importantissimi della nostra dieta poiche’ rappresentano la fonte primaria per la produzione di energia che serve a far funzionare correttamente tutto il nostro organismo, incominciando dal cervello fino a finire con i muscoli e per questo motivo devono essere completi di tutto cio’ che la Natura ha loro fornito per cedere al nostro corpo, durante il processo dell’assimilazione, la loro ricchezza. Ma lo zucchero bianco, così come viene attualmente prodotto, è una sostanza innaturale e dalle caratteristiche tossiche. Continua a leggere


2 commenti

I SEMI DI LINO…i semi della salute

linoI semi di lino vengono considerati, nella cultura popolare, come i semi della salute.

Nonostante le loro piccole dimensioni, contengono numerosi elementi nutritivi che vengono ritenuti particolarmente benefici per il nostro organismo. 

Essi sono considerati, insieme all’olio di lino che ne rappresenta il più importante derivato, come una delle fonti vegetali più ricche di omega3 presenti in natura. Sono dunque particolarmente consigliati a coloro che seguono un’ alimentazione vegetariana o vegana e che quindi non traggono tali elementi nutritivi da alimenti come il pesce e i molluschi. Continua a leggere


Lascia un commento

IL TEMPEH

tempehIl tempeh appartiene alla grande famiglia degli alimenti derivati dalla soia. Originario del Sud-Est asiatico e molto diffuso soprattutto in Indonesia, è ottenuto attraverso un processo di fermentazione dei fagioli di soia gialli. Per il suo aspetto, ma soprattutto per il suo elevato contenuto proteico, il tempeh viene spesso definito “carne di soia” e, come il tofu, è un alimento fondamentale dell’alimentazione vegetariana e vegana.

Curiosità

La fermentazione si ottiene aggiungendo ai fagioli di soia cotti un elemento acidificante, come l’aceto, e il microrganismo in grado di attivare il processo, il fungo Rhizopus oligosporus, oggi ottenuto industrialmente. Il composto viene lasciato riposare per circa 24 ore a una temperatura di 30 gradi. A fermentazione ultimata, i semi risulteranno saldati tra loro grazie ai miceli, l’intreccio di filamenti bianchi che conferisce al tempeh la compattezza e il colore che lo contraddistinguono. Questo derivato della soia può essere impiegato nei più svariati modi: come condimento per paste, riso, minestre e panini, o anche da solo stufato, fritto o cotto al vapore e accompagnato con verdure.

Proprietà

Il tempeh presenta tutte le proprietà dei fagioli di soia: è ricco di fibre, vitamine e, soprattutto, proteine. La fermentazione lo rende, inoltre, assai più digeribile dei tradizionali semi di soia. Secondo alcuni studi, gli “starter” impiegati per attivare il processo di fermentazione conterrebbero batteri in grado di produrre l’importante vitamina B12 di cui chi segue un regime alimentare vegano, in assenza dei prodotti di origine animale che la contengono, può essere carente. La questione è, tuttavia, ancora dibattuta e molti studiosi sostengono che il tempeh non possa essere considerato una fonte affidabile di B12.

Per tutte le persone che amano la soia in tutte le sue forme e cercano una gustosa alternativa al più conosciuto tofu.

 Tempeh

Articolo tratto da http://www.vegolosi.it


Lascia un commento >

GomasioDi sale, si sa, non bisogna abusarne e in questo la cucina giapponese può aiutarci… Tra le varie alternative che i nipponici utilizzano per condire verdure e pietanze c’è il gomasio, un alimento semplice, composto solo da semi di sesamo biologici e sale marino integrale ma ricchissimo di proprietà. Non a caso fa parte a pieno titolo della tradizionale cucina macrobiotica.

Starete pensando: “ma allora il sale c’è ugualmente”… sì in effetti c’è ma in percentuale molto bassa. La classica ricetta del Gomasio prevede infatti per 7 cucchiai di sesamo 1 solo cucchiaio di sale, si possono poi variare le proporzioni a seconda dei gusti e delle esigenze ad esempio miscelando 10 parti di sesamo e una di sale  fino a un rapporto di 20 a 1.

Nei negozi di alimentazione naturale troverete il gomasio già pronto in bustine o barattoli di vetro ma è possibile autoprodurlo con facilità anche a casa propria con il doppio vantaggio di risparmiare e avere un prodotto sempre fresco!

Bisogna lavare e asciugare bene il sesamo per poi tostarlo leggermente in forno o in padella a fuoco lento (stando attenti a non esagerare sennò il sapore risulterà amaro) miscelarlo insieme al sale (anch’esso leggermente tostato per togliere l’umidità) e infine triturare il tutto utilizzando un mortaio di terracotta e un pestello di legno. Non li avete? Niente paura…modernizzate la ricetta utilizzando un minipimer o un frullatore! 😉
Una volta pronto, il gomasio fatto in casa può essere conservato in frigorifero ben chiuso in un barattolo di vetro per un settimana circa.

Questo semplicissimo condimento a base di goma (sesamo) e shio (sale) può essere utilizzato a crudo per condire insalate e verdura ma anche riso, pasta o altro. Sbizzarrite la vostra fantasia dato che il sapore è ottimo! Attenzione però a non esagerare: i semi di sesamo sono abbastanza calorici!

Ma veniamo ora alle proprietà del gomasio che è un condimento genuino e ricchissimo di nutrienti importanti per il nostro organismo. Da una parte la piccola quantità di sale marino integrale fornisce oligoelementi fondamentali come iodio, magnesio, rame e zincomentre i semi di sesamo sono ricchissimi di calcio, proteine e vitamine (in particolare D ed E). Tutte sostanze che aiutano il sistema nervoso e sono quindi particolarmente indicate in caso di esaurimento o affaticamento ma anche per chi soffre di osteoporosi.

Inoltre il gomasio aiuta a regolarizzare l’intestino e migliorare le funzioni epatiche, ha un effetto antinauseacontrolla i livelli di colesterolo nel sangue, contribuisce ad alleviare i dolori in genere e può essere utilizzato in caso di ipertensione o problemi ai reni.Potenzia anche le difese immunitarie!

Che aspettate ad aggiungere un pizzico di gomasio alla vostra vita? 🙂

 

Articolo tratto da www.greenme.it


Lascia un commento

I germogli di Ravanello

Germogliatore

Germogliatore

Ieri sera mi sono mangiata una bella insalatona con i germogli di ravanello coltivati con il germogliatore.

Ecco quali sono le loro proprietà…

I germogli sono un alimento facile e pratico da produrre. Pronti in pochi giorni. Rispetto alla pianta adulta, hanno una maggiore concentrazione di sostanze nutritive, in una forma più assimilabile.
I germogli di ravanello sono ricchissimi di vitamina C, di vitamine del gruppo B, e di sali minerali (fosforo, magnesio, manganese, calcio e ferro), e costituiscono per questo un ottimo integratore alimentare naturale, con un apporto minimo di calorie.

Utilizzo in cucina…

Il piccante intenso del ravanello si presta perfettamente ad insalate miste, a bruschette col pomodoro o peperoni, o come accompagnamento a crudo di verdure dolci quali zucca al forno , crema di rape rosse, biete saltate in padella.
E’ adatto per insaporire un piatto di tofu, condito con olio e limone. Da provare anche coi secondi piatti o come originale aggiunta piccante ad piatto di pasta.
Vanno consumati crudi al fine di preservare tutti i contenuti nutritivi.

Germogli di Ravanello

Germogli di Ravanello

Insalata con germogli di ravanello

Insalata con germogli di ravanello


2 commenti

10 motivi per bere al mattino acqua tiepida e limone

Al mattino appena svegli e a digiuno proviamo a iniziare bevendo una tazza di acqua tiepida e limone, elementi semplici ma benefici.

Il succo così acido del limone ha la sua principale proprietà proprio nell’avere nel nostro organismo, un’azione contraria, cioè alcalinizzante. Gli acidi che lo caratterizzano una volta introdotti nell’organismo danno infatti reazione basica, questo perché durante la metabolizzazione l’acido citrico si ossida e i sali che ne derivano danno origine a carbonati e bicarbonati di calcio e potassio che contribuiscono all’alcalinità del sangue.

Questi sono i benefici dell’iniziare la giornata con il limone:

1. Rafforza il sistema immunitario: I limoni sono ricchi di vitamina C e di potassio, che stimola le funzioni cerebrali e nervose. Il potassio aiuta anche il controllo della pressione arteriosa.

2. Bilancia il PH: Bere acqua di limone ogni giorno riduce l’acidità totale del vostro corpo. Il limone è uno degli alimenti più alcalini. Sì, il limone ha acido citrico, ma non crea acidità nel corpo una volta metabolizzato.

3. Aiuta la perdita di peso: I limoni sono ricchi di fibre di pectina, che aiutano a combattere la fame. È stato anche dimostrato che le persone che hanno una dieta più alcalina perdono peso più velocemente.

4. Aiuta la digestione: Incoraggia il fegato a produrre la bile, che è un acido che è richiesto per la digestione. La digestione risulta efficiente e si riducono il bruciore di stomaco e la costipazione.

5. È un diuretico: limoni aumentano il tasso di minzione nel corpo, che aiuta a purificare. Le tossine sono, pertanto, rilasciate in modo più veloce per aiutare a mantenere la salute del tratto urinario.

6. Pulire la pelle: Il componente di vitamina C aiuta a diminuire le rughe e imperfezioni. Acqua di limone elimina le tossine dal sangue e aiuta a mantenere la pelle chiara. In realtà, può essere applicato direttamente sulle cicatrici per ridurre il loro aspetto.

7. Rinfresca l’alito: Non solo questo, ma può aiutare ad alleviare il dolore e gengiviti. L’acido citrico può erodere lo smalto dei denti, quindi questo deve essere controllato molto bene. Consigliamo quindi di risciacquare a fondo con acqua dopo averlo bevuto o di lavare i denti.

8. Allevia i problemi respiratori: acqua calda limone aiuta a sbarazzarsi di infezioni polmonari e fermare la fastidiosa tosse.

9. Aiuta contro la disidratazione: Una tazza di acqua e limone al mattino previene la disidratazione e la cosiddetta fatica cronica o fatica surrenale. Quando il corpo è disidratato, o profondamente disidratato (fatica surrenale) non può svolgere tutte le sue funzioni in modo appropriato, e questo porta ad accumuli di tossine, stress, costipazione, e tutta una serie di altri disturbi.

10. Aiuto a eliminare il caffè: Dopo aver preso un bicchiere di acqua calda limone, la maggior parte delle persone suggeriscono che non hanno alcun desiderio di caffè al mattino.

L’acqua deve essere tiepida, perchè l’acqua fredda crea uno shock al nostro intestino, e la dose di limone va da 1/4 a 1/2 al giorno. E’ bene partire sempre da meno in modo tale che abituiamo il nostro organismo.

Articolo tratto da http://www.ambientebio.it


Lascia un commento

Avocado: perché fa bene?

L’avocado (un frutto) è un alimento pressoché perfetto per il vostro organismo: un propellente alcalinizzante, energizzante ed idratante!

C’è chi lo chiama la “pera dell’alligatore”.

Perché la sua buccia rugosa ricorda le squame di un alligatore, e la sua forma fa pensare a quella di una pera. In più, quando lo apri, ricorda un po’ l’occhio di un alligatore.

Gli avocado sono considerati la risorsa ricca di grassi e proteine più facilmente digeribile tra tutti i cibi. Infatti, sono costituiti per l’80% da grassi salubri e per il 15% da proteine. Forniscono più proteine del latte vaccino e contengono tutti gli amminoacidi essenziali (i mattoni costitutivi delle proteine): tutti e 18. E gli avocado sono generosi in acidi monoinsaturi salutari ed acidi grassi essenziali (7 varietà, inclusi omega-3 ed omega-6). I loro grassi salubri sono utili nella costruzione cellulare, aiutano ad abbassare il colesterolo e fungono da risorsa energetica che può essere bruciata dall’organismo come carburante. Sono un’alternativa migliore dell’ossidazione del glucosio (zucchero) o, addirittura, delle proteine, dei quali rimane nel sangue lo scarto di cenere acida. Questa loro qualità li rende utili soprattutto ai diabetici, sia di tipo I che di tipo II, che ne dovrebbero mangiare 2 o 3 al giorno.

Gli avocado vi fanno dimagrire.

Come per le noci e l’olio di oliva, i grassi salutari presenti negli avocado segnalano al vostro cervello quando siete sazi, aiutando ad evitare di mangiare oltre il dovuto. I ricercatori della Università della California nella città di Irvine hanno scoperto che i cibi contenenti acidi grassi insaturi ed acidi oleici (come gli avocado), stimolano la produzione di un composto chiamato OEA (oleoiletanolamide), che sopprime l’appetito. L’OEA viene rilasciata nell’intestino tenue dove, attraverso la connessione delle terminazioni nervose, viene comunicato al cervello che all’organismo non occorre ulteriore cibo. Altri studi confermano che elevati livelli di OEA sono d’aiuto nella perdita di peso e riducono nel sangue i livelli di colesterolo e di trigliceridi da eliminare.

Gli avocado sono grassi, ma nel modo giusto.

Hanno più grassi che qualsiasi altro tipo di frutta, ma questo non deve fermarvi! Gli avocado sono pieni di grassi monoinsaturi incredibilmente benefici. È il tipo migliore di grasso, perché fa bene al cuore. Ancora scettici? Fatevelo spiegare dall’American Heart Association, il perché:

“Aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo il rischio di malattie cardiache e infarti. Inoltre forniscono sostanze nutrienti e aiutano a preservare le cellule del corpo. I grassi monoinsaturi sono anche solitamente ricchi di vitamina E, un antiossidante di cui gran parte degli americani ha grande bisogno”.

Mangiare avocado aiuta a regolare la pressione sanguigna.

Gli avocado sono pieni di magnesio e potassio, entrambi d’aiuto nel regolare la pressione sanguigna. L’avocado ti regala più magnesio di venti altri tipi di frutta, inclusi banana, kiwi e fragola.

Se stai cercando di mangiare sano, puoi sostituire il nostro super-frutto al burro in tante ricette. Sia i biscotti con scaglie di cioccolato che il pane alla banana risultano deliziosi quando vengono preparati con l’avocado.

Sicuramente potete gustarlo semplicemente a fette o condito con limone o sale oppure mescolato a qualunque insalata. Gli avocado formano una coppia pressoché perfetta con i pomodori!

Che cosa aspettate….andate subito a comprare un avocado per la cena di stasera!!!